Vacanze dell’Anima 2018

VACANZE DELL’ANIMA / Giocare con i confini / 19 luglio – 4 agosto 2018

E’ con grande onore – e tanta gioia! – che vi annunciamo che quest’anno Ca’ Corniani sarà il partner capofila del Festival Vacanze dell’Anima. E di questa opportunità non possiamo che ringraziare il Direttore Artistico Loris De Martin e Confartigianato AsoloMontebelluna che ci passa il testimone.
Questa nona edizione di Vacanze dell’Anima esplora in modo nuovo le possibilità evocate dall’idea di confine. Un percorso immerso nel paesaggio-palcoscenico della Pedemontana Trevigiana, segnato da incursioni tra arte, impresa e sociale, con la direzione artistica di Loris De Martin.
Un viaggio dagli approdi tutti da scrivere, che arriva sabato 28 e domenica 29 luglio sul Monte Tomba, a Cavaso, con l’evento simbolo dell’edizione di quest’anno: Senza Vincitori né Vinti, che vede in scena l’inedita coppia Marco Paolini-Simone Cristicchi, su un testo di Francesco Niccolini e Mario Rigoni Stern. Il terreno di battaglia della Grande Guerra diventa teatro per celebrare la fine del conflitto e, insieme, un’idea di pace che dissolve i confini tra “diversi”.
Su questa scia il programma propone piccole incursioni tra arte, sociale e impresa, collegate dal filo rosso della musica. Una giornata è dedicata alle sfide d’impresa, un’altra al territorio e ai suoi prodotti, due concerti sul confine, per approdare con coraggio, al complesso tema del confine ultimo, fra la vita e la morte.

SFIDE D’IMPRESA
Giovedì 19 luglio – Fornace di Asolo

Una intera giornata dedicata al mondo imprenditoriale.
Un workshop in cui sperimentare metodi e strumenti per l’innovazione, utili a superare il confine tra un’idea e un business di successo. Un suggestivo aperitivo con orchestra e un incontro serale in cui le interviste di Stefano Schiavo a tre imprenditori saranno occasione per conoscere storie di successo e di apprendimento.

IL SENSO DELLA LUMACA E ALTRE STORIE
Domenica 22 luglio –  Monfumo

Dalle ore 17, un’immersione nel paesaggio e nei prodotti del territorio.
Le storie di contadini, agricoltori e trasformatori artigiani veneti, accanto a quelle dei loro prodotti, sono al centro dell’appuntamento.
Vite di contadini, agricoltori, trasformatori artigiani veneti e dei loro prodotti. I racconti e la degustazione intrecciano i presidi Slow Food e il progetto sui cereali antichi, Libera nos in campo, curato da GasAsolo. La giornata si conclude con una cena a Km zero.

CONCERTI SUL CONFINE

PASSEGGIATA SONORA
Venerdì 20 luglio –  ore 16.30 – 20.00 / Partenza dal Convento di SS Pietro e Paolo
Un invito a immergersi in natura e scoprire il senso del confine, attraverso la musica e il cammino: un piccolo esperimento per giocare con le note, da ascoltare, suonare e ballare.
Ad accompagnare il percorso, la fisarmonica di Alex Modolo, i concerti a sorpresa di Gioie Musicali e le indicazioni di tre “guide sonore”, Sabrina Fantini, Maurizio Mennella e Patrizia Spinetta.

NOTE IN DONO
Lunedì 23 luglio –  ore 16.30 / Casa di riposo Prealpina, Cavaso del Tomba
Un gruppo di giovani musicisti di Gioie Musicali entra in un luogo di margine e propone la musica come strumento di relazione, provando a sciogliere barriere e cercare assonanze nuove. Invita il pubblico a fare altrettanto, attraverso un programma di brani ispirati a temi popolari, europei e sudamericani.

SENZA VINCITORI NE’ VINTI
Sabato 28 e Domenica 29 luglio –  Monte Tomba, Cavaso
Con Marco Paolini e Simone Cristicchi

di Francesco Niccolini e Mario Rigoni Stern – Musiche di Alessandro Grego – Con la partecipazione del Coro Valcavasia
Due tra i più grandi narratori italiani, per la prima volta insieme, si danno appuntamento a quota 1.000, sul Monte Tomba, per dare corpo e voce a due uomini, normali e straordinari, mentre vivono l’assurdità della guerra.
A cento anni dalla fine della Grande Guerra, il terreno di battaglia del conflitto diventa palcoscenico naturale per celebrare un’idea di pace che dissolve i confini tra diversi. Oltre la retorica, un omaggio a 6 milioni di giovani ragazzi, massacrati, italiani, austriaci, tedeschi … tutti uguali, morti uno per mano dell’altro. Un rito collettivo, per ricordare che la guerra c’è ancora, che l’arte e la musica sono strumenti, di dialogo, di riflessione, di cambiamento.

(CON)FINE VITA
Sabato 4 agosto –  Biblioteca Comunale, Montebelluna
Dialogo delicato e ardito sul confine ultimo, tra vita e morte
Il Festival guarda in faccia un tema tabù, oggetto di conflitti, fraintendimenti, silenzi o semplificazioni.
Elena Seishin Viviani, monaca buddhista di tradizione Zen Soto
Monica De Faveri, coordinatrice dell’hospice Casa dei Gelsi di Treviso
Daniele Rodríguez ordinario di Medicina Legale dell’Università di Padova
Conduce Alessia Meneghin, medico dell’ospedale di Montebelluna
Il violoncello di Riccardo Baldizzi e il reading Stormi, di Marco Morana, accompagnano l’incontro

www.vacanzedellanima.it
info@vacanzedellanima.it
https://www.facebook.com/vacanzedellanima/
M 338 8037443