Villa Barbaro di Maser: arte, natura e vino

Perché non raggiungere Maser con le nostre bici a pedalata assistita? Villa Barbaro, anche nota come Villa Maser, fu progettata nel 1550 dall’architetto Andrea Palladio su richiesta dei nobili veneziani Daniele e Marcantonio Barbaro. Le sue decorazioni, affidate al pittore Paolo Veronese, colpiscono per l’effetto delle architetture raffigurate come ad esempio le due finte porte dalle quali si affacciano un paggio e una bambina. Quest’opera del Veronese è considerata uno dei più straordinari cicli di affreschi del Cinquecento veneto. Le sculture, invece, furono assegnate ad Alessandro Vittoria, brillante allievo del Sansovino, il quale curò le rifiniture a stucco di tutta la villa e creò il Tempietto. Situata sulle pendici dei Colli Asolani, è anche molto conosciuta per le molteplici file di vigneti che la circondano, le quali producono ogni anno dell’ottimo vino, riconosciuto a livello mondiale. Che ne dite, quindi, anche di un buon bicchiere di vino?

VILLA MASER – Patrimonio dell’umanità UNESCO

Villa Maser rappresenta un capolavoro, un eccezionale esempio di edificio architettonico riconosciuto in tutto il mondo e pertanto, dal 1996 è stata inserita dall’UNESCO nella lista dei patrimoni dell’umanità, assieme a Villa Emo e alle altre ville palladiane del Veneto.